Cantiere sicuro: l’importanza delle recinzioni
Ottobre 28, 2019
Cos’è una piattaforma mobile?
Febbraio 25, 2020

Se ancora non lo sai, Marzocchini si occupa di Smaltimento di rifiuti edili, puoi trovare in questa pagina maggiori info.

Oggi ti spieghiamo le procedure e le norme dello smaltimento dei rifiuti edili.

In quasi ogni procedura di lavorazione, si vanno a creare e produrre rifiuti che devono essere smaltiti in maniera adeguata. Questo interessa chiaramente anche il settore edilizio, la cui procedura di smaltimento punta a gravare il meno possibile sull’ambiente.

Molti rifiuti infatti devono essere smaltiti in maniera speciale, in quanto possono arrecare danni all’ambiente nel caso venissero abbandonati o semplicemente se fosse utilizzata una normale procedura di smaltimento.

La quasi totalità di rifiuti è costituita da materiali di risulta, quali calcinacci, laterizi e tutto quello che rimane dal un’opera di demolizione.

Per quanto riguarda le terre derivanti dagli scavi invece devono essere riutilizzate nella attività di cantiere, o comunque in un altro cantiere.

Cosa si rischia?

Attenzione: lo smaltimento dei rifiuti di cantiere è molto importante in quanto l’incorretto modus operandi è sanzionato in maniera penale e comunque con multe salate.

Il costo di smaltimento rifiuti è a carico del privato o della ditta che li produce.

Nel caso di un privato, spesso, esistono apposite isole ecologiche gestite dai Comuni che accettano questo tipo di prodotti, e si occuperanno loro di smaltirli, anche e soprattutto per evitare l’abbandono di essi.

Nel caso invece di qualità ben più elevate, la raccolta dovrà essere effettuata da apposite Aziende, iscritte all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali.

Chiaramente nel processo di lavorazione di cantiere, bisognerebbe puntare non solo a smaltire ma a produrre pochi rifiuti, riutilizzando tutti quei materiali che possono avere una seconda vita.

Se vuoi saperne di più, contattaci, Marzocchini si occupa dello smaltimento dei tuoi rifiuti di cantiere.